Il signoraggio della Merkel: la Germania si fa la moneta da 5 euro

5-euro-moneta-1000x539

La moneta circolerà solo in Germania, non sarà accettata negli altri Stati dell’Unione che la considereranno come oggetto da collezione

di Francesco Filini

La Germania di Angela Merkel si riappropria di un minimo di sovranità monetaria coniando una nuova moneta metallica da 5 Euro, un privilegio che la BCE ha voluto concedere solo ed esclusivamente ai teutonici. Già perché non tutti sanno che il conio delle monete metalliche e i relativi diritti di signoraggio (sì, i diritti di signoraggio esistono, consigliamo alle capre urlanti di studiare e consultare il sito della Banca d’Italia prima di arrivare a dire che è una cazzata dei “complottisti”) spetta agli stati (ex) nazionali che hanno aderito all’eurositema, mentre la stampa delle banconote è totale appannaggio della BCE. Per avere la prova provata di questo fatto basta guardare nelle nostre tasche: il lettore si accorgerà facilmente che mentre le monete metalliche sono diverse da Stato a Stato e su ognuna di queste è impresso il simbolo dello Stato emittente (in quelle italiche troviamo “RI” che sta per Repubblica Italiana), in quelle cartacee troviamo invece la sigla BCE declinata in ogni lingua con tanto di firma del Governatore Mario Draghi.

quiz

I motivi sono abbastanza ovvi: coniare monete ha un costo superiore rispetto allo stampare una banconota (per le monete di piccolo taglio il costo di conio supera addirittura quello di valore nominale!), e la rendita da signoraggio è notevolmente superiore. Accadeva così anche con la lira: le banconote erano emesse dalla Banca d’Italia (con tanto di firme del Governatore e del Cassiere) e il conio metallico spettava invece alla zecca dello stato.

Sicuramente qualcuno ricorderà la polemica nel 2002 che fece l’allora Ministro dell’Economia Giulio Tremonti con l’allora Governatore della Banca Centrale Wim Duisenberg circa la possibilità di introdurre il cosiddetto “euro di carta” per i tagli da 1 e da 2, perché le persone erano abituate alla lira con i relativi tagli da 1000 e da 2000 che erano cartacei. Il Governatore della Banca Centrale rispose “irridendo” Tremonti dicendo che “al posto del Ministro delle Finanze non sarei tanto contento se la BCE emettesse banconote anche per i tagli da 1 e da 2, perché in questo caso l’Italia perderebbe i diritti di signoraggio”. Duisenberg morì a luglio del 2005, annegato nella piscina della sua villa.Il segreto della moneta - ebook

La manovra della Markel, quella di coniare la moneta metallica da 5 euro, è indubbio un
grande vantaggio per la Germania che si riappropria – con il beneplacet della BCE di Mario Goldman Draghi – di una quota importante di rendita monetaria. Quello che stupisce è il trattamento di favore che viene concesso ai tedeschi, in barba a tutti gli altri Stati. Ma si sa: la deflazione morde, gli Stati arrancano e chi può permettersi di fare la voce grossa e stringere i testicoli del Governatore, alla fine la spunta sempre.

dollaro ordine esecutivo 11110

Il dollaro emesso dal Ministero del Tesoro degli Stati Uniti d’America, come si vede non c’è il logo della Banca Centrale e la scritta “Federal Reserve Note” viene sostituita da “United States Note”

Chissà cosa direbbero oggi John Kennedy e Aldo Moro, che osarono stampare moneta di Stato sfidando lo strapotere dei banksters.. Purtroppo sono stati entrambi assassinati e i dollari di proprietà degli “United States of America” e le 500 lire di carta della “Repubblica Italiana” sono oggi solo un oggetto da collezione. Quando invece dovrebbero essere un oggetto di studio, come tutta la moneta.

banconota_500_lire_del_1967_alato_m

La banconota da 500 lire – Serie Mercurio emessa dal Ministero del tesoro della Repubblica Italiana, a differenza dei biglietti della Banca d’Italia che recavano la scritta “Pagabili a vista al portatore” qui troviamo “Biglietto di Stato a corso legale”.

Twitter @francescofilini

Aurita

Francesco Filini, amministratore locale e studioso di economia, geopolitica e moneta. E' tra i fondatori della scuola di studi giuridici e monetari Giacinto Auriti, scrive sul rapportoaureo.it da oltre 5 anni ed è autore del saggio "Il Segreto della moneta - verso la Rivoluzione auritiana".

5 commenti:

  1. Pingback:Il signoraggio della Merkel: la Germania si fa la moneta da 5 euro | cogito ergo sum…penso dunque sono

  2. Non capisco come una persona con il tuo background culturale ed accademico possa scrivere ‘sta roba.

    http://www.butac.it/la-moneta-5-euro/

    • Eppure un motivo c’è: la moneta da collezione ha una tiratura di 250.000 pezzi, quella per la circolazione ne ha un’altra: 2.500.000.

    • Valerio Milani

      MONETA COMMEMORATIVA O ARMA DEUTSCHNATIONALE ? Ogni Stato appartenente all’eurosistema, chi più chi meno, ha coniato e conia monete commemorative che vanno dal taglio delle comuni 2€ in su.
      In circolazione vediamo spesso monete da 2€ che su una delle due facce commemorano, celebrano una ricorrenza storica, un personaggio del passato, o un evento attuale importante .
      Poi ci sono le altre monete commemorative che invece in circolo non si vedono, nonostante tutte abbiano corso legale nella nazione d’emissione, ed hanno valore nominale/facciale che va da 5, 10, 20€ in su .
      Alcune hanno valore intrinseco più basso di quello nominale e sono quelle da 2€ e quelle da 5€ in su in argento . Mentre quelle da 20, 25, 50, 100, 200€ ma coniate in oro, hanno valore intrinseco più alto del nominale rendendosi così non spendibili, a meno che non sia un fesso a farlo .

      Ma ciò che mi preme spiegare è il concetto di “raritá” . Questa è legata alla tiratura, perché puoi avere una moneta d’oro bella quanto vuoi, ma se ne sono state coniate 10 milioni, cioè 1 ogni 6 cittadini italiani, non è rara. Oppure è rara una moneta nel caso di errori di conio… o se questo errore è stato fatto per prova con poche monete e messe comunque in circolazione o vendute a collezionisti come nel caso della 500 lire col veliero dalle bandiere sbagliate, che invece di svolazzare come le vele in base al vento che spira, vanno all’indietro come se fossero su di un veicolo a motore .

      È notizia di pochi giorni fa, che la Germania ha emesso 2.250.000 monete commemorative da 5€ :

      – 250.000 monete commemorative da 5€ sono state coniate con ottimo materiale per far in modo che durino nel tempo, e sono già prenotate dai collezionisti per 15,50 € a moneta .

      – 2.000.000 di monete commemorative da 5€ sono di metallo meno pregiato ed i tedeschi possono comprarle al pari di una banconota da 5€ .

      Queste ultime non possiamo certo dire però che siano rare . Spiego subito perche :

      le monete commemorative italiane sono state emesse con tirature da 7.000 a 40.000 con una ‘media per moneta’ di 1 moneta commemorativa ogni 3.000 cittadini, mentre nel caso germanico sono state emesse 2.000.000 di monete da 5€, cioè 1 ogni 40 cittadini tedeschi . Non v’è rarità da collezione. Cioè non è, e non sarà mai una moneta ricercata dai collezionisti… quindi che male c’è ad usarla per il valore nominale di facciata immettendola nel circuito economico tedesco ?

      Vedrete come questa 5€ metallica tedesca sarà in poco tempo in circolo da consumatore a commerciante, da commerciante a fornitore e così via.

      Una semplice azione (non coraggiosa visti i numeri delle reali banconote da 5€ circolanti – circa 17.000.000) che però ha fattivamente tolto il signoraggio della banconota da 5€ alla Bce/Sebc portandolo nelle casse statali .
      E soprattutto hanno tolto 2.000.000 × 5€ in cartamoneta che potevano benissimo uscire fuori confine ed hanno messo in circolo altrettanto valore che invece rimarrà sul territorio nazionale !

      Di fatto in Germania circolerá una moneta, sì denominata in €, ma non appartenente all’ eurosistema, tecnicamente una moneta complementare legale .
      Cioè una moneta legale, solo in Germania, che affianca quella già a corso legale a livello di eurosistema .

      Ovvio che la mia non è una critica alla Germania… fanno bene ! I loro governanti ogni tanto pensano al proprio popolo… ogni tanto… i nostri per niente !!!

  3. Pingback:Il signoraggio della Merkel: la Germania si fa la moneta da 5 euro | Misteri e Controinformazione - Newsbella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *